Scegliere il framework web giusto per il tuo sito di e-commerce

Le funzionalità indispensabili per qualsiasi sito di vendita online di successo

Collage person device phone multi channel product gradient twilight generic

Choose the Right Ecommerce Platform

I'm ready to start building or already have my own ecommerce store.
Try BigCommerce
I have questions and would like guidance from an ecommerce expert.

Si stima che il giro d'affari delle vendite mondiali di e-commerce arriverà a 6,5 trilioni di dollari entro il 2023.

Ecommerce frameworks Statista graph

È molto probabile che fare acquisti online sia diventata per te un'abitudine già da un pezzo. Ma se ti sei avvicinato a questo mondo da poco, l'e-commerce può sembrare scoraggiante.

Come scegliere il framework giusto per creare il tuo sito di e-commerce? Che differenza c'è tra i framework open source e i framework SaaS? E cos'è l’headless commerce?

Non esiste un'unica soluzione per tutte le aziende. Devi prima identificare le esigenze della tua azienda, se vuoi scegliere il framework perfetto per effettuare i pagamenti online, dare priorità all'esperienza del cliente e proteggere la sicurezza delle informazioni degli acquirenti. 

Analizziamo ora nel dettaglio quali framework hai a disposizione per il tuo sito e-commerce e come puoi selezionare quello giusto per te.

Che cos'è un framework di e-commerce?

Il termine framework di e-commerce si riferisce al tipo di software che utilizzi per creare il tuo negozio di e-commerce. Per esempio, il software di e-commerce Magento utilizza un framework open source, mentre BigCommerce ne usa uno SaaS. Entrambi contemplano anche un framework headless.

Tipi di framework per e-commerce

Sono tre i principali tipi di framework per e-commerce. Ognuno di essi funziona in modo leggermente diverso e tutti e tre hanno elementi di forza e punti deboli. Ecco i principali framework:

  • SaaS.
  • Open source.
  • Headless commerce.

1. Il Framework di e-commerce SaaS.

SaaS sta per "software as a service". Anziché acquistarlo, gli utenti si abbonano al software, ed è il fornitore che si occupa di ospitare, monitorare e migliorare il software. Le piattaforme SaaS solitamente sono dotate di maggiori funzionalità pronte all'uso. E, sebbene la personalizzazione sia limitata, le piattaforme SaaS diventano di giorno in giorno più flessibili grazie alle integrazioni API e a quelle predefinite.

I pro:

  • Il fornitore può operare gli aggiornamenti delle funzionalità in tempo reale, man mano che il software viene migliorato. 
  • I costi di proprietà, nel complesso, sono in genere molto inferiori rispetto a un framework open source o headless commerce. 
  • SaaS può aiutarti a entrare subito nel mercato.
  • Nei costi sono incluse anche la sicurezza e la manutenzione, e non devi preoccuparti dell'hosting.

I contro:

  • Non è personalizzabile quanto i framework open source o headless commerce.

2. Framework di e-commerce open source.

Il software open source è un software che consente agli utenti di accedere al codice sorgente e modificarlo sulla propria istanza di software. Spesso, ma non sempre, è scritto in PHP, un linguaggio di scripting per usi generici molto diffuso. Le piattaforme di e-commerce open source offrono un alto livello di personalizzazione, ma i costi salgono. 

Avrai bisogno di sviluppatori non solo per personalizzare il sito come vuoi, ma anche per monitorare il codice nel tempo - maggiore è la personalizzazione, maggiore è il rischio di conseguenze indesiderate - e garantire una sicurezza informatica costante per proteggere la tua azienda e i tuoi clienti.

I pro:

  • Possibilità di personalizzazione quasi illimitate. 
  • Grande disponibilità di sviluppatori.

I contro:

  • Dovrai occuparti di installare aggiornamenti del software e patch di sicurezza.
  • Poter personalizzare implica anche che il software è più complesso e che dovrai contare sugli sviluppatori non solo nella fase di implementazione, ma anche durante il ciclo di vita della tua attività.
  • I costi complessivi di gestione sono generalmente elevati, se si tiene conto di tutti i relativi costi aggiuntivi. (Nessun software è mai veramente "gratuito.")

3. Il Framework di E-commerce Headless

L'headless commerce separa back-end e front-end in modo che i rivenditori possano scegliere il proprio livello di presentazione front-end e offrire una customer experience differenziata grazie a un approccio di architettura componibile. Questo ti consente inoltre di adottare un approccio multi-vendor, utilizzando un fornitore per il back-end e un altro sul front-end.

Gli approcci separati come l'headless commerce rappresentano un potenziale vantaggio per le aziende, perché garantiscono maggiore libertà e controllo. Puoi anche scegliere di far funzionare alcuni elementi del tuo sistema in modo indipendente l'uno dall'altro, invece di averli tutti come un unico insieme.

I pro:

  • Ti dà la flessibilità di scegliere il tuo front-end tra le piattaforme di esperienza digitale, le PWA e altro ancora. 
  • Puoi utilizzare il back-end per gestire più front-end e sfruttare un'esperienza multi-sito. 
  • Quando front-end e  back-end sono separati, ciascuno di essi può essere sottoposto a un lavoro di sviluppo senza rischi di impatti reciproci.

I contro:

  • Il costo totale di proprietà può essere elevato, perché bisogna includere le spese per il back-end, il front-end e lo sviluppo. 
  • Le architetture possono essere complesse e avrai bisogno della consulenza degli sviluppatori.

Quali caratteristiche fondamentali deve avere il tuo framework di e-commerce

Ogni tipo di azienda online ha bisogno di un framework diverso, perché deve adattarsi a clienti o settori specifici. Ma ci sono alcuni aspetti che si devono sempre tenere in considerazione.

1. Gestione dei prodotti.

I tuoi prodotti sono, ovviamente, il cuore della tua attività ed è fondamentale poter contare su una gestione facile del tuo inventario per l'aggiunta di prodotti, la modifica delle informazioni e il monitoraggio della disponibilità degli articoli.

Per quanto riguarda SKU, variazioni (taglia, colore, quantità) e nomi e immagini dei prodotti, alcuni framework di e-commerce ti permetteranno di ottenere una visione di alto livello o di eseguire il drill down senza avere grandi conoscenze tecniche.

Ti conviene controllare se la tua piattaforma è in grado di gestire il numero di SKU che desideri trasportare e il numero di varianti per prodotto di cui potresti aver bisogno nel tuo negozio online. 

E se vuoi applicare una strategia omnicanale, verifica che con il tuo framework sia possibile collegare l'inventario a marketplace online come Amazon, canali pubblicitari come Google, social media e soluzioni per punti vendita (POS) di tua scelta, per avere un centro unico di gestione dei canali.

2. Compatibilità con dispositivi mobili.

Un numero sempre maggiore di consumatori usa i dispositivi mobili per navigare nei negozi e fare acquisti on-line. È per questo che il tuo framework di e-commerce deve garantire una buona esperienza di acquisto su tutti i dispositivi. Gli esperti avevano stimato che il mobile commerce avrebbe raggiunto un giro di affari di 314 miliardi di dollari nel 2020, il 44% delle vendite totali di e-commerce. Se non garantisci un'esperienza di pagamento ottimizzata con i dispositivi mobili, rischi di dover ridimensionare le tue prospettive di crescita. 

Scegli un framework che ti permetta di creare un'esperienza di pagamento con dispositivo mobile semplificata e intuitiva. Riduci il numero dei campi, aumenta la dimensione dei pulsanti e integra i metodi di pagamento per dispositivo mobile più usati come Apple Pay, Google Pay, PayPal, Amazon Pay e altri.

3. Sicurezza.

Durante la prima metà del 2019 sul dark web sono state rubate almeno 23 milioni di carte di credito. I negozi online sono il bersaglio preferito degli hacker. L'intensificarsi dello shopping online durante la pandemia ha reso ancora più redditizio questo tipo di frode. 

È tua responsabilità garantire la sicurezza delle informazioni dei tuoi clienti, e la redditività della tua azienda, come anche la reputazione del tuo marchio, dipendono da come riuscirai a evitare le violazioni dei dati. Secondo uno studio di KPMG, in seguito a un episodio di violazione dei dati, un'azienda può perdere mediamente il 30% dei clienti, che interromperebbero temporaneamente i loro acquisti. 

Alcuni framework, come SaaS e l'headless commerce dotato di un back-end SaaS, garantiscono un certo livello di sicurezza. Se invece usi soluzioni open source come Magento, dovrai gestire tu stesso i controlli sulla sicurezza. In quest'ultimo caso la soluzione potrebbe essere proteggere i tuoi server con servizi di sicurezza gestita o installare tempestivamente patch di sicurezza messi a disposizione dal fornitore.

  • Conformità alle norme PCI-DSS. Si tratta di una procedura standard, riconosciuta a livello mondiale, per processare i pagamenti in modo sicuro. Per ottenere tale certificazione, i fornitori devono sottoporsi a test rigorosi.
  • Certificazione SSL/HTTPS. SSL è un certificato indispensabile per crittografare i dati sensibili che un acquirente fornisce alla tua soluzione di acquisto durante il pagamento.
  • Strumenti antifrode e per la sicurezza dei dati. È fondamentale poter monitorare le attività sospette degli utenti e bloccare le transazioni potenzialmente fraudolente e i tentativi di intrusione forzata, o in modo nativo o utilizzando un sistema integrato di terze parti.

4. Funzionalità SEO integrate.

Le diverse caratteristiche di un framework di e-commerce dovrebbero contemplare funzionalità SEO integrate, come il controllo su URL, tag del titolo, tag di intestazione e metadati. L'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) può essere uno strumento formidabile per far crescere la tua attività, ma alcune piattaforme di e-commerce sono più efficaci da questo punto di vista rispetto ad altre. Alcune piattaforme SaaS, essendo meno personalizzabili, limiteranno la tua capacità di ottimizzare in modo completo. (BigCommerce garantisce solide funzionalità SEO.)

5. Estensione di plugin e integrazioni.

Ogni piattaforma di e-commerce ti fornirà alcune funzionalità, temi e/o modelli pronti all'uso, ma di sicuro avrai bisogno anche di altre funzionalità, soprattutto dopo che avrai scoperto cosa vogliono i tuoi clienti. Identifica le eventuali caratteristiche o funzionalità che dovrai aggiungere e che non sono già presenti nella piattaforma. 

Il futuro dell'e-commerce non ha limiti ed è qui che entra in gioco la capacità dei migliori proprietari di negozi. Quando esamini una piattaforma di e-commerce, devi capire se sarà facile o difficile integrare il social commerce e vendere su marketplace come Amazon ed eBay.

Se gestisci anche un negozio tradizionale, puoi integrare i dati dei tuoi sistemi di punti vendita e della vetrina online per ottenere una visione olistica dei comportamenti di acquisto dei clienti e dell'inventario in tempo reale.

I migliori 10 framework di e-commerce

Sono molti i framework di e-commerce attualmente sul mercato, ma per scegliere quello giusto dovrai considerare il tuo modello di business, la scelta dei prodotti, la tua volontà di crescere e persino le capacità del tuo team. Diamo ora un'occhiata ai dieci framework più usati, analizzandone vantaggi e svantaggi.

1. BigCommerce.

BigCommerce è una piattaforma SaaS con API altamente flessibili e con un'ampia offerta di headless commerce. I componenti principali della piattaforma consentono l'estensione e la connessione con qualsiasi altro ambiente. 

Poiché BigCommerce rientra nella categoria più flessibile dei prodotti SaaS, potrebbe avere una curva di apprendimento leggermente superiore rispetto ad altre piattaforme. Per il resto, la piattaforma offre anche assistenza in tutto il mondo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, e la collaborazione di migliaia di agenzie partner che ti aiuteranno a lanciare e mettere a posto il tuo negozio, se necessario.

2. Shopify.

Con Shopify, un software di e-commerce in hosting, incontrerai pochi ostacoli tecnici nel creare un negozio con funzionalità di base pronte all'uso. E questo semplifica la configurazione e la gestione del negozio. Per accedere ad alcuni strumenti non nativi è necessario un abbonamento a parte. È possibile attivare integrazioni e aumentare le funzionalità attraverso oltre 4.100 app, quali Google Analytics e Smile.io.

3. Magento.

Magento è un software open source che può essere utilizzato on-premise sui propri server o nel cloud (PaaS). Scritto nel linguaggio di programmazione PHP, Magento è altamente flessibile e modificabile, se sei pratico di sviluppo di PHP open source ovviamente. Ora fa anche parte di Ado.be Experience Cloud, quindi si integra con prodotti Adobe come analytics, una piattaforma di dati dei clienti, e altri.

Magento vanta una vasta comunità di sviluppatori esperti, ma molte aziende hanno abbandonato Magento proprio perché si finisce per dipendere troppo dagli sviluppatori per configurare, mantenere e aggiornare il proprio negozio. Con Magento Open Source un negozio semplice che utilizza un template e nessuna estensione può costare tra 20.000 e 45.000 dollari, a seconda della complessità. Inoltre, poiché hai la tua istanza del software, dovrai installare da solo gli aggiornamenti e i patch di sicurezza.

4. Volusion.

Volusion è stato uno dei competitor più originali nell'ambito dell' e-commerce SaaS. È operativo dai primi anni 2000 e la sua soluzione per il carrello degli acquisti propone un mix di commercio tradizionale e strumenti di SEO/marketing, per avviare e far crescere la tua attività. Nel luglio 2020 Volusion ha presentato istanza di fallimento in base al capitolo 11. Secondo un post pubblicato sul blog del sito di Volution, l'azienda è ancora aperta e operativa.

5. Shift4Shop.

3dcart, che era il nome precedente dell'azienda, fu acquisita da Shift4 payments, uno dei principali processori di pagamento, per creare Shift4Shop. 

Shift4Shop offre più funzionalità pronte all'uso rispetto alla maggior parte delle piattaforme SaaS, ma proprio questo può rendere il suo uso più difficile.

6. Woocommerce.

WooCommerce è un framework open source self-hosted per siti supportati da WordPress. Sviluppato e gestito da Automattic, WooCommerce ha una discreta selezione iniziale di funzionalità base di e-commerce per il pagamento.

Dal momento che è un open source, hai il pieno controllo su personalizzazione e gestione del negozio. Esistono anche tantissimi gruppi Meetup di WooCommerce a cui puoi rivolgerti per avere aiuto nella gestione del tuo negozio. 

Lo svantaggio è che molte funzionalità fondamentali del carrello degli acquisti, come la pagina unica per il pagamento, il recupero del carrello abbandonato e gli sconti, non sono disponibili in modo nativo (a differenza di ciò che avviene con una soluzione come BigCommerce). Inoltre, l'aggiunta di ulteriori funzionalità di pagamento, la gestione del catalogo e il marketing possono essere costosi e richiedono molto tempo.

7. Kibo.

Kibo Commerce è un prodotto di commercio unificato ideato per consentire ai tuoi team di offrire esperienze personalizzate attraverso i punti di contatto. È una piattaforma API-first costruita su un modello di microservizi. Kibo nasce nel gennaio 2016 dalla fusione di Fiverun, MarketLive e Shopatron. Nel 2016 Kibo ha acquisito Baynote e Mozu, per poi realizzare altre due acquisizioni nel 2019: Certona e Monetate.

Questa piattaforma fatta a misura di sviluppatore può essere complessa, ha una curva di apprendimento ripida e un costo totale di proprietà potenzialmente elevato. Hanno solo 18 partner di soluzioni che aiutano a rafforzare la funzionalità del negozio e, poiché la loro presenza sul mercato è scarsa, può essere difficile trovare le informazioni di cui hai bisogno online.

8. Commerce Cloud di Salesforce (Demandware).

Il Commerce Cloud di Salesforce (che si chiamava Demandware prima dell'acquisizione da parte di Salesforce) è una piattaforma SaaS per le aziende che desiderano semplificare le proprie operazioni omnicanale. Ti consente di gestire le vendite dei canali digitali e fisici da un'unica soluzione e offre strumenti di intelligenza artificiale nativi per la personalizzazione. 

Uno degli svantaggi del Commerce Cloud di Salesforce è il numero abbastanza scarso di agenzie partner che hanno familiarità con la progettazione e lo sviluppo sulla piattaforma.

9. Squarespace.

Squarespace rende facile e veloce l'aggiornamento del sito e la gestione dei media, senza la necessità di dover ricorrere a uno sviluppatore esterno. Questo framework SaaS offre modelli di progettazione e strumenti di inventario integrati. 

Ma se non capisci tutte le funzionalità, potresti perderti alcuni elementi fondamentali che possono far funzionare il tuo sito ancora meglio. Scegliere Squarespace presenta alcuni svantaggi, tra cui il fatto che può essere integrato solo con quattro processori di pagamento. Inoltre, se ti abboni all'opzione più economica, pagherai una commissione di transazione del 3% su ogni vendita.

10. Wix.

Wix è una piattaforma SaaS orientata verso le piccole imprese. Iniziare è facile e veloce, e puoi trascinare e rilasciare elementi per creare il tuo sito. Disegnare il sito è semplice con Wix, perché hai accesso a oltre 500 modelli.

Come selezionare il miglior framework di e-commerce per la tua attività

Alcune piattaforme hanno molte funzionalità pronte all'uso e questo rende la configurazione rapida e semplice, ma la personalizzazione più complessa. Altre piattaforme consentono di avere siti completamente personalizzabili, ma richiedono una configurazione più lunga e maggiori costi per lo sviluppo dell'e-commerce. Quando confronti le piattaforme, dai la priorità alle tue esigenze e all'unicità del tuo business.

1. Identifica le esigenze della tua azienda.

Ogni attività di e-commerce ha esigenze diverse, a seconda del modello di business, dei prodotti, dei canali di vendita e pubblicità e altro ancora.

Modello di business: ha un'attività B2B o B2C? Le aziende B2B hanno esigenze di e-commerce specifiche che molte piattaforme non possono soddisfare immediatamente. Se hai un negozio online e un negozio fisico, è importante poter integrare l'inventario e le vendite in modo da avere sempre una visione unificata della tua attività. E se stai pensando a un approccio ibrido B2C/B2B, dovrai trovare una piattaforma in grado di supportare entrambe le esigenze senza incorrere in spese extra eccessive.

Prodotti: quanti prodotti venderai? Quante varianti avranno questi prodotti? Qualsiasi piattaforma tu scelga, assicurati che sia in grado di gestire i prodotti che intendi vendere.

Canali di vendita e pubblicitari: vuoi inserire nella tua strategia di vendita marketplace come Amazon o Wish? O magari vuoi vendere e/o fare marketing e pubblicità tramite Facebook, Instagram o altri social media? Se c'è un collegamento fluido tra il tuo negozio e questi canali di vendita, sarà più facile avere una visione unificata della tua attività e soprattutto del tuo inventario.

2. Considera il tuo budget.

Il costo totale di proprietà può variare notevolmente tra e anche all'interno dei diversi framework, a seconda delle caratteristiche e delle capacità. Inoltre, il modo in cui i costi sono strutturati può influire sulle finanze della tua azienda.

  • Con SaaS avrai dei costi abbastanza costanti nel tempo. Per questo, prevedere la tua situazione finanziaria futura sarà più facile. 
  • I framework open source spesso richiedono un elevato canone di licenza all'inizio, e a questo dovrai aggiungere i costi variabili di implementazione e le spese per lo sviluppo e la manutenzione nel corso del tempo.
  • Il prezzo dei framework headless varia in base al numero di sistemi che possono integrare e ai front-end e back-end che scegli, ma è la soluzione perfetta per i commercianti che cercano una personalizzazione decisa.

3. Scalabilità e crescita futura.

Se il tuo obiettivo finale è la crescita, non considerare soltanto le tue esigenze attuali, ma anche quelle future. Con il passare del tempo potresti aver bisogno di una piattaforma in grado di gestire un traffico più alto, più SKU, più varianti e più chiamate API. Se desideri espanderti a livello internazionale, avrai bisogno di supporto per le normative e i certificati internazionali, la funzionalità multi-valuta per consentire agli acquirenti di pagare nella valuta del loro Paese e magari anche la funzionalità multi-negozio per avere un'esperienza completamente personalizzata.

4. Verifica che sia disponibile l'assistenza clienti.

Che tu sia esperto o meno di tecnologia e e-commerce, cambia poco. Conoscere il software di una nuova piattaforma comporta sempre una piccola curva di apprendimento. Devi stabilire che tipo di supporto offre la tua piattaforma di e-commerce nella fase di acquisizione e in quelle successive.

Per concludere

Per aiutarti a scegliere la migliore piattaforma di e-commerce per la tua attività, abbiamo descritto i tre tipi di framework più usati, spiegando come funzionano e quali sono le caratteristiche chiave che risulteranno utili al proprietario di un negozio online. Scegliere il giusto framework di e-commerce può aiutarti a creare un sito agile e scalabile, che offre un'esperienza di acquisto eccezionale. 

Ora che conosci le caratteristiche di tutti e tre i framework di e-commerce, è il momento di capire quale si adatta meglio alle tue esigenze aziendali. Non esiste un unico framework di e-commerce valido per tutti. Per scegliere il framework giusto per te devi tener conto di come vuoi gestire la tua attività e di cosa il tuo sito di e-commerce deve supportare.

Domande FAQ sui framework di e-commerce

In cosa un framework SaaS è migliore rispetto all'open source?

SaaS sta per "software as a service". Anziché acquistarlo, gli utenti si abbonano al software, ed è il fornitore che si occupa di ospitare, monitorare e migliorare il software. Le piattaforme SaaS solitamente sono dotate di maggiori funzionalità pronte all'uso. E, sebbene la personalizzazione sia limitata, le piattaforme SaaS diventano di giorno in giorno più flessibili grazie alle integrazioni API e a quelle predefinite. Il software open source è altamente personalizzabile ma ha un costo. Avrai bisogno di uno sviluppatore esperto o di un team ad hoc per assicurarti che il tuo sito funzioni sempre a un ritmo rapido.

Se scelgo di usare Magento nel cloud, significa che non dovrò gestire gli aggiornamenti di sicurezza?

No. Scegliere l'hosting di Magento significa solo che è Magento a gestire i server su cui si trova il tuo software. Sarai comunque tu a occuparti del software, sia per gli aggiornamenti che per le patch di sicurezza.

In quali casi è solitamente usato l'headless commerce?

Ecco alcuni casi in cui vediamo usare l'headless commerce più frequentemente:

  • Esperienze altamente personalizzate: puoi offrire esperienze front-end completamente diverse a diversi tipi di acquirenti (ad esempio, un'esperienza personalizzata per chi vive nel Regno Unito rispetto a chi vive negli Stati Uniti).
  • Commercio basato sui contenuti: se sul suo sito si trovano più informazioni e intrattenimento (in termini di pagine/prodotti) che articoli in vendita, l'headless è un ottimo modo per creare e incorporare contenuti più solidi.
  • Grande velocità sui dispositivi mobili: l'utilizzo di una PWA sul front-end della tua architettura headless può garantire tempi di caricamento rapidi su tutti i dispositivi.
VIEW MORE
Che cos'è uno SKU e perché è importante per la mia attività?

SKU sta per "stock keeping unit". È un codice identificativo unico per ciascun prodotto. Ti aiuta a tenere traccia del tuo inventario, a semplificare gli ordini, velocizzare le integrazioni e mantenere tutti i sistemi aggiornati. Il nostro partner Brightpearl può darti maggiori informazioni su cosa sono gli SKU e perché sono importanti.

Quante persone fanno acquisti tramite dispositivi mobili?

Gli esperti avevano stimato che il mobile commerce avrebbe raggiunto un giro di affari di 314 miliardi di dollari nel 2020, il 44% delle vendite totali di e-commerce.

Perché alcune piattaforme sono più indicate per il SEO rispetto ad altre?

Alcune piattaforme di e-commerce ti consentono di personalizzare gli aspetti che contano di più per il SEO, quando crei il tuo sito web. In altre questo tipo di personalizzazione è limitata.

Perché ho bisogno di così tanti plugin per gestire il mio negozio? Non posso semplicemente scegliere una piattaforma dove è già integrato tutto quello che mi serve?

Ci sono sicuramente piattaforme che hanno più funzionalità predefinite rispetto ad altre, ma non è consigliabile includere tutte le funzionalità in tutte le piattaforme, perché una funzionalità così robusta renderebbe il software ingombrante. (Alcune opzioni di software aziendali molto grandi presentano problemi del genere.) Usando i plug-in puoi avere esattamente il negozio che desideri, costruire un sito agile e creare l'esperienza che vuoi senza pagare per ciò che non ti serve.

Browse additional resources